Page 1    

La grande differenza?

Page 2    

BARTHENAU Vigna S. Michele


Vigna KOLBENHOF


Vigna RECHTENTHALER SCHLOSSLEITEN


BARTHENAU Vigna S. Urbano


Vigna STEINRAFFLER


Vigna ROCCOL


Vigna PIRCHSCHRAIT

Page 3    

VIGNA

Solo la denominazione „Vigna“

garantisce la provenienza di un vino da una vigna

conosciuta anche nominativamente.

>Passa intro
 

10 fatti sulla Tenuta Hofstätter

1. Tradizione

Josef Hofstätter ha fondato l’azienda nel 1907. Oggi questa azienda ricca di tradizione viene condotta in quarta generazione dal suo pro-pronipote Martin Foradori Hofstätter.

2. Vigneti

Con i suoi ca. 50 ettari di vigneti in proprietá, la tenuta Josef Hofstätter è tra le aziende viticole più grandi dell’Alto Adige.

3. Altitudini

I vigneti si trovano ad altitudini tra i 250 e 800 m slm e proprio grazie a questa prerogativa rendono possibile la coltivazione di diverse varietà.

4. Punti cardinali

La tenuta Hofstätter è l’unica azienda a conduzione familiare in Alto Adige che possiede vigneti a est e ovest della Bassa Atesina e dunque dispone di esposizioni in zone microclimatiche diverse.

5. Varietà – bianche e rosse

Grazie alla molteplicità delle esposizioni, trovano ottime condizioni di crescita sia varietà a bacca bianca sia varietà a bacca rossa. L’attenzione è focalizzata sulle varietà tradizionali per la zona: Gewürztraminer, Pinot Bianco, Pinot Nero, Lagrein e Schiava.

6. Gewürztraminer e Pinot Nero

Hofstätter, con il Kolbenhof e la Vigna del Castello di Rechtenthal a Sella sopra Tramin (Termeno) e con Barthenau a Mazon, possiede la maggiore superficie privata di Gewürztraminer e Pinot Nero in Alto Adige.

7. Vini di singole esposizioni

I vini Hofstätter fanno riconoscere la loro origine. Prendono il sapore dell’esposizione dove sono nate le loro uve, dei terreni e del microclima. Il Gewürztraminer del Kolbenhof e il Pinot Nero Vigna S. Urbano di Barthenau sono tra i primi vini dell’Alto Adige che hanno preso il nome del loro luogo d’origine.

8. „Vigna“

I vini delle esposizioni singole portano senza eccezioni il nome „Vigna“. Questa contraddistingue i vini e rimanda alla speciale qualità delle esposizioni singole: equivale al francese „Cru“.

9. Viticultura

La viticultura delicata e vicina alla natura lascia crescere ceppi sani e forti. Questi sono longevi e regalano al viticultore buoni frutti per vini altrettanto buoni.

10. Riesling

Martin Foradori Hofstätter ora può appagare il suo amore per il Riesling lungo il fiume Saar, in Germania. Lì – primo viticoltore italiano – ha aquisito vigneti che offrono a questa varietà un’habitat eccezionale. Questi vigneti vengono coltivati dalla tenuta „VDP“ Dr. Fischer - Bocksteinhof, la quale è ora condotta da Martin Foradori Hofstätter assieme a Johannes Fischer e Nik Weis della tenuta St. Urbans-Hof.