Page 1    

La grande differenza?

Page 2    

BARTHENAU Vigna S. Michele


Vigna KOLBENHOF


Vigna RECHTENTHALER SCHLOSSLEITEN


BARTHENAU Vigna S. Urbano


Vigna STEINRAFFLER


Vigna ROCCOL


Vigna PIRCHSCHRAIT

Page 3    

VIGNA

Solo la denominazione „Vigna“

garantisce la provenienza di un vino da una vigna

conosciuta anche nominativamente.

>Passa intro
 

Alto Adige

il "Traminer"

Questo vino fece parlare di sé per la prima volta intorno al 400 a.C., al tempo dei Reti, in una Val d’Adige allora giá precocemente popolata. Dai banchetti degli imperatori romani, a quelli dei signori medievali al di lá delle Alpi e fino ad arrivare alla corte asburgica agli inizi del XX secolo, il Traminer ha sempre incontrato lo stesso gradimento. Celebrato nelle piú diverse maniere, vive in un inno del XV secolo che é rimasto nella storia letteraria tedesca: quello del famoso cavaliere, avventuriero e poeta Oswald von Wolkenstein, l’ultimo Minnesänger. Con nostalgia egli rimemora il buon Traminer, al solito con versi icastici, quando al Lago di Costanza all’epoca dell’omonimo Concilio (1414–18) gli mescono un vinello, un "torcibudello".

il "Traminer" é documentato giá dal 1145 nelle vicinanze della localitá citata per la prima volta come Tremine, che a quanto sembra gli diede il nome. A partire dal XIX secolo un discendente della varietá originaria verrá chiamato Gewürztraminer, appunto per il suo affascinante profumo. Nelle calde terre alpine dell’Alto Adige questo vitigno fornisce uve per nobili vini bianchi secchi e dall’armonica aciditá.

E proprio attorno al borgo di Tramin-Termeno, il cui nome é ormai conosciuto in tutto il mondo, questi grappoli rosati dall’aroma generoso hanno trovato il loro habitat ideale.

E giá a partire dal 1535 il Comune stipendiava due impiegati, un mastro vinaio (Weinschätzer) ed un agrimensore (Weinmesser) per sorvegliare la provenienza e la qualitá del prezioso mosto. Per prevenire le frodi contrassegnavano ogni botte con un sigillo e un certificato; oggi ne costituisce la garanzia la Denominazione di Origine Controllata.

Testimoniano l’importanza storica del piccolo borgo vitivinicolo sia gli affreschi della chiesa di San Giacomo di Kastelaz sopra Tramin-Termeno sia le numerose dimore nobiliari, come quella dei signori von Langenmantel del XVI secolo. il visitatore curioso si imbatte qua e lá nelle tracce di una storia mutevole con molti potentati, dai conti del Tirolo nel Medioevo fino ai regnanti d’Austria e di Baviera nell’Etá moderna. L’arciduca Giovanni d’Austria (1782–1859) si rese in questi luoghi particolarmente meritevole per il suo interesse a favore dell’economia vitivinicola e a Scena, sopra Merano, trovó infine la sua ultima dimora.

Ma la storia non fu sempre rosea per queste terre: inondazioni e paludi, con le loro tremende epidemie, hanno fanno parte della vita di questa valle per secoli. Le insidie della natura sembrano armai arginate; sta ora agli uomini proteggere la magia e la pace di questo paesaggio culturale.