Page 1    

La grande differenza?

Page 2    

BARTHENAU Vigna S. Michele


Vigna KOLBENHOF


Vigna RECHTENTHALER SCHLOSSLEITEN


BARTHENAU Vigna S. Urbano


Vigna STEINRAFFLER


Vigna ROCCOL


Vigna PIRCHSCHRAIT

Page 3    

VIGNA

Solo la denominazione „Vigna“

garantisce la provenienza di un vino da una vigna

conosciuta anche nominativamente.

>Passa intro
 

Annata 2014

L’anno 2014, da un punto metereologico, è stato molto vario e il lavoro nei vigneti molto intenso.

Quella che in alta estate si delineava come un’annata problematica è stata salvata dai mesi di settembre e ottobre, regalandoci infine una vendemmia molto caratteristica, della quale ci possiamo ritenere molto contenti.
Ora i vini, in prima linea i bianchi freschi e fruttati, maturano tutti sui lieviti fini e si stanno sviluppando molto bene.

Settimanalmente assaggiamo i vini per seguirne con attenzione l’evoluzione. Interessante come, assaggiando i vini, si possano trarre conclusioni sulla maturazione delle uve. La maturazione lenta delle uve e le temperature più basse durante questo periodo hanno fatto sì che Pinot Bianco, Pinot Grigio, Chardonnay, Sauvignon e de Vite, a confronto di annate precedenti, si presentino al naso con una spiccata mineralità, molto varietali e fruttati. Al palato si ripropone tale mineralità, i vini sono molto eleganti e la freschezza data dall’acidità è anche una garanzia per la longevità dei vini.

Spicca in maniera positiva il Gewürztraminer. Lo stile altoatesino di questo vino si caratterizza per l‘eleganza, il frutto vivace, il sapore secco e la rinfrescante acidità. Anche in questo caso, grazie al tempo, l’acidità del Gewürztraminer risulta ancora più spiccata di quanto la conosciamo già. Chi in passato ha avuto qualche perplessità nei confronti del Gewürztraminer per la sua accentuata aromaticità rimarrà molto sorpreso dall’annata 2014.

La caratteristica più sorprendente dell’annata 2014 è, a confronto con le annate precedenti, il contenuto alcoolico più basso nei vini. Come per l’acidità, anche in questo caso le temperature più basse di settembre e ottobre, e con ciò la maturazione delle uve più lenta ed estesa, hanno influenzato la produzione degli zuccheri nell’uva.

Una novità nel nostro assortimento è il „Cereseto“ Sauvignon Blanc. Le uve di questo vino provengono in parte dal maso Cereseto Superiore, sito sopra il paese di Salorno, nella frazione di Pochi a 800 metri slm, nonché da altri vigneti selezionati. Per l’introduzione di questo vino non avremmo potuto trovare un’annata migliore! Il „Cereseto“ si presenta con aromi molto freschi, fine naso di sambuca e uva spina, un corpo elegante e vellutato che viene accompagnato dalla tipica acidità del 2014.

RallegrateVi insieme a noi con questa annata emozionante!