Vigneti

Dolci valli, fiumi potenti, pendii ripidi

Oltre un secolo di esperienza nella cura di vigneti unici nel sud dell'Alto Adige. Le nostre tenute, così differenti tra loro, offrono la tipologia di suolo e il microclima ideale per ciascuna varietà. I nostri filari si estendono non solo su entrambi i versanti - ad est e ad ovest - della Valle dell'Adige, ma anche tra le vette della Valle di Ronchi, nel Trentino meridionale, e nei ripidi pendii della Saar, in Mosella, Germania.
Situati tra 250 e 850 metri d’altitudine, i nostri vigneti godono di condizioni diverse a seconda della loro esposizione: le uve maturano con il sole del mattino in alcune aree o con quello sera in altre e vengono raggiunte da fresche brezze di montagna o da tiepidi venti meridionali. Varie sono anche le composizioni dei terreni, caratterizzati, a seconda della zona, da argilla, ghiaia, sabbia, porfido, calcare o ardesia.

I nostri
vigneti

Vigneti dell'Alto Adige, del Trentino e della Mosella

Kolbenhof & Rechtenthaler Schlossleiten

La posizione collinare del Kolbenhof, nella frazione di Sella, a Termeno, è il luogo ideale per la coltivazione del Gewürztraminer. Qui, sul versante occidentale della Valle dell’Adige, splende il sole del mattino e soffia un fresco vento serale. Le potenzialità di quest’area erano già note ai gesuiti di Innsbruck, che nel XVIII secolo producevano il loro vino proprio al Kolbenhof. Alla tenuta appartiene anche la storica particella di Gewürztraminer “Vigna Pirchschrait” da cui nasce l’omonimo vino.

Adiacente al Kolbenhof, su versanti estemamente ripidi si trova la Vigna Rechtenthaler Schlossleiten. Questo pendio precipita nella profonda gola della Valle dell'Inferno ed è esposto ad un microclima molto particolare. Grazie ai venti freschi che discendono dal vicino monte Roen, le uve maturano lentamente e vengono raccolte a mano nel mese di novembre. Gli acini, selezionati uno ad uno, danno vita al Vigna Rechtenthaler Schlossleiten Gewürztraminer Spätlese.

Steinraffler
Dove il Lagrein dà il meglio di sé

Sotto il Kolbenhof, un dolce pendio con fondo ghiaioso rappresenta la migliore area per il Lagrein, autoctono coltivato in Alto Adige fin dal XIII secolo. Qui, con vista sul lago di Caldaro, sorge la tenuta Steinraffler. Il suolo in ghiaia facilmente riscaldabile e il particolare microclima, con il caldo vento Ora del Lago di Garda, offrono le migliori condizioni per il nostro Vigna Steinraffler Lagrein.

Barthenau & Yngram
Il cuore del Pinot Nero italiano

Sull'altopiano di Mazon, di fronte a Termeno, sul lato orientale della valle, si trovano i nostri vigneti di Pinot Nero, accarezzati dal sole serale. Ludwig Barth zu Barthenau, professore universitario di Vienna, vi costruì l'omonima proprietà alla fine del XIX secolo. Fu lui stesso a piantare il Pinot Nero nella tenuta, scoprendone il potenziale.

I vocati vigneti, che si estendono fino al vicino maso Yngram, sono di proprietà della nostra famiglia da 80 anni. Da singoli vigneti vinificati separatamente, nascono qui il Barthenau Vigna S. Michele Pinot Bianco, il Riserva Mazon Pinot Nero, il Barthenau Vigna S. Urbano Pinot Nero e il Barthenau Vigna Roccolo Pinot Nero. La Vigna Roccolo, con le sue pergole e vigneti di circa 80 anni, sorge nel cuore della tenuta Barthenau. È stato l’impegno di Paolo Foradori a rendere famoso in tutto il mondo l'altopiano di Mazon. Oggi quest’area collinare, situata sopra al paese di Egna, rappresenta il vertice qualitativo del Pinot Nero italiano.

Oberkerschbaum
Sauvignon d’alta quota

La tenuta Oberkerschbaum si trova a sud di Mazon, ad un'altitudine tra i 750 e gli 800 metri. La sua posizione di alta quota, esposta a sud, è ideale per i vitigni a bacca bianca. Quasi due decenni fa abbiamo piantato la varietà Sauvignon in questa tenuta. Qui le uve del Vigna Oberkerschbaum Sauvignon maturano lentamente e vengono vendemmiate tardi. I freschi aromi, minerali e fruttati, conferiscono al vino un carattere unico.

Maso Michei
Nelle montagne del Trentino

Maso Michei si trova in alta quota, in un ameno paesaggio alpino del Trentino meridionale. Le viti prosperano fino a 850 metri sul livello del mare lungo un soleggiato pendio circondato da una natura incontaminata. In questo luogo straordinario, dove la viticoltura è eroica, la vite cresce lentamente e l'uva matura tardi. Qui nascono vini freschi, fruttati e di lunga durata: Michei di Michei Müller Thurgau con i suoi aromi raffinati e Michei di Michei Pinot Nero con la sua equilibrata mineralità. A questi vini si aggiunge uno spumante “Trento DOC” ottenuto dalle varietà Chardonnay e Pinot Nero.

Con l'acquisizione di Maso Michei, nella Valle di Ronchi sopra Ala, Martin Foradori Hofstätter è tornato nei luoghi di origine dei suoi antenati, in Trentino, in una tenuta che trasmette all’uomo la forza delle vette che la circondano.

Passione per il Riesling

La passione di Martin Foradori Hofstätter per il Riesling, lo ha portato ad essere il primo italiano ad investire nella Saar, la regione vinicola tedesca della Mosella, dove il nobile vitigno si esprime al meglio. Nel 2014 egli ha colto l'occasione per rilevare e rilanciare la storica tenuta Dr. Fischer. Il terreno e il microclima del Bockstein, zona tra le più vocate, danno vita a vini strutturati e delicatamente fruttati. L'ardesia rossa nel ripido pendio Saarburger Kupp conferisce al Riesling una spiccata mineralità.

Su versanti estremamente ripidi, le viti vengono allevate sui tradizionali pali singoli in legno, beneficiando così di una luce solare ottimale. L’attento lavoro manuale in vigna e in cantina è il segreto della qualità dei vini firmati Dr. Fischer – Hofstätter Mosel. Dal 2017 la gamma include la selezione Dr. Fischer Steinbock.

 

La nostra
cantina

Solo il meglio dai nostri vigneti

Vigneti | J. Hofstätter | Alto Adige | Mosella
Vigneti | J. Hofstätter | Alto Adige | Mosella
Vigneti | J. Hofstätter | Alto Adige | Mosella
Vigneti | J. Hofstätter | Alto Adige | Mosella

La storia della nostra cantina

Nelle innovazioni architettoniche prende forma la visione di Martin Foradori Hofstätter: l’esistente va preservato con rispetto anche rivalorizzandolo in modo contemporaneo. Da questa intuizione sono nate, già all'inizio degli anni '90, architetture sofisticate. L'azienda di famiglia ha sede in un palazzo signorile del XVI secolo. Al suo interno, nei primi anni del Novecento, Josef e Maria Hofstätter hanno gestito il loro ristorante "Schwarzer Adler" e hanno dato vita ai primi vini. Il locale, divenuto presto troppo piccolo, fu oggetto di alcuni ampliamenti. Decenni dopo, Martin Foradori Hofstätter ne ha sviluppato gli spazi in altezza. Nel 1997 egli ha costruito una moderna torre del vino proprio accanto al campanile della chiesa simbolo di Termeno, costruita nel 1492. Un accostamento perfettamente armonico nato da un’audace intuizione. Nel 2013 sono state introdotte nuove tipologie di botti in cemento che hanno rappresentato una novità in Alto Adige.